Skip to main content

Sport

Sci Alpino - Federica Brignone seconda a Solden

- 0 Comments

Secondo per posto per Federica Brignone nello Slalom Gigante di Coppa del Mondo, dietro a una scatenata Tessa Worley, che rimonta dalla terza posizione della prima manche, terza l'americana Mikaela Schiffrin, quarta la tedesca Vicktoria Resenburg che perde il podio, era seconda al termine della prima manche, nella seconda manche.

La francese che oggi ha vinto la gara, ha sciato da manuale soprattutto nella seconda manche, quando ha sfoderato tutta la sua classe su una pista rovinata dai passaggi delle avversarie, e dalla nevicata che da questa notte si sta abbattendo sulla località austriaca.

Ottima gara per Federica Brignone, pur non confermando la prima posizione della prima manche la valdostana dimostra che la classe a volte può sopperire anche la mancanza di allenamento. La medaglia di bronzo olimpica infatti con solo '18 giorni di sci ai piedi', dopo l'infortunio l'infortunio del 12 agosto a Cervinia, ha colto il 25esimo podio della carriera. Ora Federica ha a disposizione quasi un mese prima della prossima gara, il gigante di Killington a fine novembre negli Stati Uniti.  

Terza Mikaela Schiffrin, sempre sul podio e pronta a centrare la terza Coppa del Mondo Assoluta consecutiva. Quinta con una straordinaria prova l'austriaca Stephanie Brunner, reduce da un grave infortunio che l'ha bloccata da marzo a settembre, che realizza lo stesso tempo della norvegese Ragnhild Mowinkel, che si conferma atleta di alto livello. Settima la svizzera Wendy Holdner, che precede tre giovani norvegesi Lysdal, Stjernesund e Haugen.

Piccola delusione per l'Italia, ad Irene Curtoni non riesce il recupero e anzi perde una posizione nella run decisiva finendo 22esima, le altre non si sono qualificate per la frazione decisiva. Peccato per Marta Bassino che stava sciando bene, ed aveva ottimi tempi prima della 'scivolata' sul muro centrale, discreta Lara Della Mea, classe '99 che non è arrivata lontana dalla qualifica, non giudicabili Francesca Marsaglia al rientro dopo una stagione di stop per la pubalgia, e Karoline Pichler reduce da tre anni di stop per altrettanti infortuni e Elena Sandulli all'esordio, disastrose Roberta Midali e Luisa Bertani, in una gara accorciata, il tempo di percorrenza della prima frazione era inferiore al minuto, hanno subito un ritardo di 5 e 7 secondi, troppi.