Skip to main content

Salute e Ambiente

Sanità - La Medina di Montagna valdostana si conferma eccellente

- 0 Comments

Il Centro di Medicina di Montagna della Valle d'Aosta si conferma una delle eccellenze del sistema sanitario regionale e non solo.

Un bilancio sull'attività del centro è stata fatto questa mattina dal Commissario USL Angelo Pescamona, Pier Eugenio Nebiolo, Direttore sanitario USL, Guido Giardini, Responsabile del Centro, Gianluca Lob, Direttore della Chirurgia vascolare e dall'Assessore alla Sanità Mauro Baccega.

“La medicina di montagna è una delle nostre eccellenze – Sottolinea Angelo Pescarmona - come dimostrato recentemente dalle cure che stiamo prestando al dott Cassardo, che ha scelto il nostro ospedale, dopo aver vagliato molte opzioni tra cui Chamonix, dopo la sua disavventura sul monte Gashebrum in Pakistan. Siamo arrivati a questo grado di preminenza anche grazie alle sinergie e alle costanti collaborazioni e confronti, con gli altri centri di montagna europei e non solo”.

“La nostra attività negli anni si è sempre più estesa. - Sottolinea Guido Giardini responsabile del Centro di Medicina di Montagna - Siamo un gruppo trasversale che va dal dottore che presta le prime cure alle persone in montagna, a chi poi le assisterà in reparto. Siamo il miglior ospedale per la cura di questo tipo di patologie, che comprendono quelle legate agli incidenti in montagna, e quelle derivanti dall'alta quota e al freddo. Nel nostro percorso di formazione è stata inmportante la sinergia con i colleghi del centro di Chamonix”.

Gianluca Lob, direttore della Chirurgia valscolare, ha poi successivamnete ragguagliato sulla situazione clinica del collega dr Cassardo “Il paziente è arrivato con necrosi di una mano e di altre parte del corpo dovute all'esposizione per due giorni a temperature prossime ai -20. Inoltre era in una situazione di e in pre edama polmonare. Il quadro sistemico era molto grave, i valori del sangue erano al limite della dialisi. Il decorso sarà ancora lungo ma la ripresa totale, si presente estremamente probabile. Trattiamo pazienti provenienti da tutto il mondo, e grazie alla telemedica riusciamo ad intervenire celermente perché quando il paziente arriva nel nostro nosocomio, abbiamo già un quadro clinico quasi completo. Inoltre riusciamo a guidare i nostri colleghi nei loro ospedali indirizzandoli nelle prime cure".

L'Assessore alla Sanità Mauro Boccega, durante l'incontro a confermato che Angelo Pescarmona, rimarrà Commissario della USL VDA, avendo rinunciato al nuovo incarico ad Alessandria.

Sono soddisfatto di poter proseguire la collaborazione del prof Pescarmona, - ha commentato Mauro Baccega - che si concretizzerà con numerosi progetti che stiamo portando avanti. Vogliamo portare avanti un nuovo piano di implementazione per la telemedicina con il professor Giardini. La carenza di medici è un emergenza nazionale, di cui ho discusso ieri con il Ministro alla Sanità e ai miei omologhi della altre regioni, in un incontro tenutosi ieri a Roma. Alcuni reparti e ospedali minori in Italia rischiano la chiusura. Auspichiamo che il Governo intervenga prontamente per scagionare questa possibile crisi del settore”.

 

 

FM