Skip to main content

Salute e Ambiente

Sanità - Per 30 primari un corso da manager

- 0 Comments

È  stato presentato sabato mattina presso l’aula magna dell’università della Valle d’Aosta la terza edizione del corso di formazione manageriale dell'Università della Valle d'Aosta, necessario per svolgere le funzioni di direzione sanitaria. 

Il percorso formativo sarà affrontato da 30 medici e avrà  una durata di 125 ore (le lezioni si svolgeranno venerdì pomeriggio e sabato mattina) e si concluderà il prossimo dicembre con la discussione di una tesina.
 I contenuti che verrano trattati riguardano gli ambiti dell'organizzazione e la gestione dei servizi sanitari; Indicatori di qualità dei servizi; gestione delle risorse umane in sanità; il finanziamento ed elementi di bilancio, contabilità e controllo di gestione.

L'obiettivo - ha spiegato il commissario dell'Usl della Valle d'Aosta Angelo Pescarmona - è che queste differenti figure professionali acquisiscano un linguaggio e una base formativa comuni per comprendersi meglio nel lavoro quotidiano e offrire servizi di miglior qualità ai cittadini. Siccome sono giunte 53 domande di partecipazione, superando la capienza massima del corso, è in programma una seconda classe.” 

Si sono iscritti 53 medici e il corso prevede un massimo di 30 posti, pertanto in accordo con ll'UNIVDA si proporrà una seconda classe nei prossimi giorni confermando la partecipazione agli esclusi e inserendo anche nuove richieste che perverranno, soprattutto per i Primari che saranno nominati nel prossimo mese a seguito di dell'espletamento e del superamento dei concorsi in essere. – Sottolinea l’Assessore regionale  alla Sanità Mauro Baccega - Una buona notizia per gli esclusi e una buona notizia per la sanità Valdostana che procede nell'obiettivo di raggiungere quel livello di risultati di buona efficienza  per l'esercizio delle funzioni di Direzione Sanitaria o di Direzione di struttura Complessa.
Concludo dicendo che anche nelle professioni sanitarie non si finisce mai di di studiare, di approfondire e di formarsi, una buona pratica”.