Skip to main content

Cronaca

Rissa a Courmayeur per una vodka - Un rinvio a giudizio e due multe

- 0 Comments

L'udienza preliminare sulla violenta lite del 30 marzo scorso avvenuta al Super G, sulle piste da sci di Courmayeur, si è chiusa con un rinvio a giudizio per rissa riguardante l'addetto alla vigilanza Achraf Laabid El Bagari, 33 anni, di Aosta, due condanne a 200 euro di multa  per Matteo Marcella, 30 anni, di Legnano, addetto alla vigilanza, e Federico Luckenbach, 41 anni, di Milano, cliente, e la sospensione del procedimento con messa alla prova per altri quattro, Stefano D'Anello, 31 anni, di Courmayeur, cliente, Alessandro Sinisi, 36 anni, di Cardano al Campo, responsabile del locale, Daka Fofana, 22 anni, di Busto Arsizio, Arturo De Santis, 27 anni, di Cardano Al Campo, entrambi addetti alla vigilanza.

Per carabinieri di Courmayeur e procura di Aosta, la rissa era scoppiata dopo il "no" del gestore, Sinisi, a uno sconto sulla bottiglia di vodka da 180 a 120 euro e il tentativo, da parte di D'Anello, di bere con gli amici quella introdotta di nascosto e acquistata nel locale vicino.

Per El Bagari il pm Francesco Pizzato ha rifiutato la richiesta di patteggiamento. D'Anello, che aveva riportato ferite guaribili in tre giorni, cinque giorni invece per Sinisi, ha rimesso la querela ed è quindi caduta l'accusa di lesioni.

Quel giorno, secondo la procura, El Bagari, che era già ai domiciliari con permesso di lavorare, gli sferrò un calcio mentre era a terra dicendo "adesso lo ammazzo". I fatti erano stati ricostruiti anche grazie ai video delle telecamere di videosorveglianza.