Skip to main content

Politica e Istituzioni

Regione - E' 25,9 milioni di euro la variazione di bilancio per 2019 approvata dalla Giunta

- 0 Comments

La Giunta regionale ha approvato quest'oggi, il disegno di legge relativo alla Seconda variazione al bilancio di previsione per il triennio 2019/2021. La manovra si attesta ad un valore prossimo ai 25,9 milioni di euro per il 2019, 1 milione di euro per il 2020 e 200 mila euro per il 2021.

"La manovra – precisa l’Assessore alle Finanze Renzo Testolin - non beneficia di nuovi fondi ma si concretizza in una ridistribuzione di risorse, consentita da economie di spesa verificatesi su alcuni titoli di bilancio. La stessa ha potuto disporre, tra le altre, di risorse pari a 9,3 milioni di euro inizialmente previste in bilancio quale quota di ammortamento trentennale del disavanzo di amministrazione, oggi completamente coperto, e pertanto resesi disponibili. Utilizzando tali fondi, la variazione ha incrementato principalmente gli stanziamenti a favore degli investimenti per 4,9 milioni di euro e a favore delle attività finanziarie, nello specifico i fondi di rotazione, per 2,9 milioni di euro.

Una particolare attenzione è stata riservata alla sanità pubblica, alla salute ed al benessere della persona, mediante trasferimenti correnti all’Azienda USL della Valle d’Aosta (1,5 milioni di euro) e per l’adeguamento tecnologico delle apparecchiature sanitarie (1,8 milioni di euro). Inoltre sono stati destinati alla finanza locale, a copertura delle spese di gestione di servizi sociali a favore delle persone anziane e per la gestione dei servizi alla prima infanzia, complessivamente 2,6 milioni di euro.

La valorizzazione del territorio e delle sue risorse economiche ha visto la destinazione di rilevanti fondi a favore dei Consorzi di miglioramento fondiario per contributi agli investimenti e principalmente destinati alla conclusione dei percorsi di riordino fondiario (4,5 milioni di euro).

Sono state, poi, previste particolari attività di analisi di settore al fine di individuare e porre in atto le azioni ritenute più idonee per la valorizzazione della filiera foresta-legno e per garantire la multifunzionalità delle foreste.

Gli interventi di difesa del suolo e del territorio assorbiranno circa 550 mila euro mentre le iniziative volte al recupero dei beni architettonici privati ed ecclesiastici sono stati oggetto di attenzione con la destinazione di circa 1,3 milioni di euro.

Sono stati, poi, resi disponibili fondi a favore del sostegno agli investimenti delle cooperative e per il rilancio di importanti iniziative nel campo della ricerca, dell’innovazione e della sperimentazione legata specificatamente al territorio ed alla salute (3 milioni di euro).

Le risorse a favore delle politiche di mutuo per l’efficientamento energetico delle abitazioni private valgono 2,5 milioni di euro, mentre 500 mila euro sono stati previsti per l’incremento del fondo di rotazione per i mutui per le imprese artigiane e industriali.

Al progetto riguardante il biglietto unico per i mezzi pubblici e all’avvio di alcune sperimentazioni nel trasporto pubblico sono, infine, stati destinati 1,7 milioni euro.