Tu sei qui

Rassemblement Valdotain - In settimana la firma del documento politico

Data: 0 Comments

MOUV' ABBANDONA IL TAVOLO

Proseguono gli incontri tra Uvp, Uv, Alpe e Mouv sul progetto di Rassemblement, ieri sera infatti si è aggiunto un nuovo tassello alla trattativa politica che potrebbe portare alla firma del documento già nei prossimi giorni.

"La riunione è stata interessante, una delle forze sedute al tavolo hadeciso di andarsene - ha detto il Presidente dell'Uv Ennio Pastoret - ci riedremo brevissimamente per chiudere il documento e avviare la costruzione di un progetto comune che porti alle elezioni politiche e alle regionali. Il documento è di carattere generale per dare poi gambe ad un progetto di collaborazione comune". Soddisfazione da parte di Elisa Bonin Presidente dell'Uvp "L'intesa è vicina. abbiamo ancora alcune rifiniture da fare - a Mouv gli auguriamo buona fortuna. Il discorso è stato totalmente politico, ovviamente le scelte politiche avranno una ricaduta". Per Alexis Vallet, Presidente di Alpe "Non ci sranno ricadute amministrative, questo è un tavolo politico. Stiamo cercando di lavorare per ridurre le distanze su alcuni punti. Dovremmo arrivare ad un documento da sottoporre agli organi dei movimenti, un passaggio non scontato. Se gli organi lo approveranno allora lanceremo gli Stati Generali dell'Autonomia".

Mouv, come aveva già anticipato la settimana scorsa, abbandonato la trattativa per posizioni "inconciliabili" con la propria linea politica: la sua richiesta era di convocare subito gli Stati generali degli autonomisti e poi elezioni anticipate. Richiesta che non è stata accolta dalle altre forze politiche.

"Ho chiesto determinate cose alle quali non ho avuto risposta - ha detto Luciano Saraillon di Mouv mentre lasciava la sede dell'Uvp - noi avevamo proposto di portare avanti gli Stati Generali dell'Autonomia, incontrando la popolazione, definendo un programma per poi andare ad elezioni. Ad oggi per me l'idea è di fare un nuovo governo e poi tutto il resto. Restiamo disponibili ad aprire un tavolo che però non implichi un semplice avvicendamento sulle poltrone. Probabilmente contiamo poco per questa grande maggioranza ma ci siamo".

Le dichiarazioni dei presidenti

Al.Bi.