Tu sei qui

#Politiche2018 - Le considerazioni del Presidente Laurent Vierin

Data: 0 Comments

Il presidente Laurent Vierin a cinque giorni dal esito delle Elezioni politiche esprime il suo pensiero.

 

Non si può ignorare il messaggio degli elettori

Ripartire dal cambiamento, su nuove basi, attraverso rinnovamento e messaggi diversi.

Non si può ignorare il messaggio che i valdostani hanno voluto dare ed è importante, ora, che arrivino messaggi concreti di rinnovamento e contenuti diversi da parte di tutti.

Da un lato le divisioni dell'area autonomista hanno favorito la vittoria di una forza politica nazionale, e la ricomposizione da noi proposta a giugno dell'anno scorso di tutto il fronte andava in questa direzione, ma non possiamo non considerare che gli elettori hanno voluto dare un segnale forte, che ora va preso in considerazione, agendo di conseguenza. 

Lavorare per unire, sì, ma occuparsi dei problemi reali dei valdostani, producendo proposte e soluzioni dai contenuti concreti e soprattutto cambiare metodi, che ancora fanno parte del vecchio sistema, metodi che abbiamo combattuto fin dall'inizio, e su questo ci impegneremo con forza per realizzare quel definitivo cambiamento per il quale abbiamo fatto, negli anni, scelte anche difficili. Da qui si riparte. 

E il primo segnale del cambiamento sarà nella composizione delle liste e nella forza dei programmi e delle idee proposte. 

Come UVP, infatti, non abbiamo mai rinunciato a questa azione di cambiamento ma abbiamo sicuramente pagato, sia in termini politici, sia umani, un prezzo alto ciò che abbiamo proposto . La nascita dell’UVP aveva, da subito, l’obiettivo di far emergere quell’autonomismo sano che è nella tradizione dei valdostani e che si stava perdendo in nome di una globalizzazione al ribasso di valori. La nostra specificità plurilingue e culturale è passata in secondo piano, in nome di un supposto modernismo snaturando in parte l’identità, unica nel panorama nazionale, della Valle. Abbiamo perso dei compagni di strada per perseguire il nostro obiettivo di “réunir” le sensibilità della parcellizzazione politica autonomista. Un obiettivo ambizioso che non sempre è riuscito a far passare in secondo piano personalismi e rivendicazioni di primogeniture e i cui inevitabili compromessi sono stati talvolta letti come un abbandono di principi.

I valdostani, con la forte richiesta di cambiamento, con l’inequivocabile messaggio lanciato, non hanno abbandonato l’Autonomia, ma hanno voluto gridare che dobbiamo cambiare. Non ci hanno chiesto di dividerci ancora, per lasciare spazio a un vecchio modo di intendere l’Autonomia : anzi, ci spingono ancor più ad unire le forze che vogliono il cambiamento e abbandonare vecchi modi di fare politica.

In anni passati la Valle d’Aosta è stata un vero laboratorio di idee ed incisive azioni amministrative: è il momento di attualizzare, in un mondo profondamente diverso, la lezione di allora, unendo le forze autonomiste in un programma di buon governo, caratterizzato dall’integrità e dall’etica, oltreché dalla competenza, e non solo dall’appartenenza.

Non è dividendoci ancora in mille rivoli che difendiamo l’Autonomia: la forza di un’idea sta nell’essere uniti, pur nelle differenze, e nel saper isolare chi l’ha piegata a calcoli personali negandone così il valore di patrimonio di un popolo.

Laurent Viérin