Tu sei qui

#PeyongChang2018 - La notte del Gigante di Federica Brignone, vento permettendo

Data: 0 Comments

“Les nuits magiques”, le notti magiche per la Valle d’Aosta, inizieranno oggi, infatti quando a PeyongChang saranno le 10.15, in Italia le 2.15, si disputerà una delle gare più attese dai tifosi e dagli sportivi, il gigante femminile, la gara di Federica Brignone.

A Yongpyong dove si snodano i tracciati che ospiteranno le prove tecniche dello sci alpino, tutto sembra perfetto. Freddo, neve dura e compatta, che pare sia stata bagnata nei giorni scorsi, faranno da palcoscenico alle grandi interpreti del gigante.

Quattro le grandi favorite: la tedesca Victoria Resenburg, già vincitrice del titolo olimpico della disciplina otto anni fa a Vancouver e tre volte in stagione, la francese Tessa Worley bicampionessa del Mondo della specialità, Federica Brignone e l’americana Mikaela Shiffrin.

La ragazza di La Salle, ha vissuto questa settimana coreana di avvicinamento alla gara, concedendosi poco alla stampa per mantenere massima la concentrazione, quella che le mancó un anno fa a Saint Moritz, quando pochi giorni prima del gigante scoppio il “Caso Goggia-Brignone”, con titoli e pesanti articoli sui media sulla presunta rivalità e gelosia tra le due.

Quel fattore probabilmente deconcentró molto Federica, che alla fine della gara si piazzò quarta a pochi centesimi dal bronzo della bergamasca, soprattuto a causa di una prima manche condotta poco all’attacco.
La valdostana confessó poi, di aver patito quella situazione, che a suo dire fu riportata in modo esagerato da alcune testate, e di essersi presentata al cancelletto di partenza della prima manche scarica dal punto di vista mentale.

Le altre atlete molto attese sono la norvegese Ragnhild Mowinckel, in continua crescita nelle ultime prove, l’austriaca Stephanie Brunner sempre brava ma mai il sul podio in Coppa del Mondo, e la storia olimpica è stata scritta da molte atlete mai vincitrice nel massimo circuito, che hanno trovato la giornata perfetta ai giochi.
La giovane slovena Meta Hrovat, terza in Coppa nell’ultimo gigante e dominatrice dei campionati mondiali juniores appena terminati a Davos, ed Estelle Alphand francese di nascita, è la figlia dal celebre discesista Luc vincitore della Coppa del Mondo generale nel 1996, che da inizio stagione corre per la Svezia, terra natale della madre, nell’annata pur partendo con numeri molto alti ha ottenuto grandi risultati.

Le italiane: la più attesa, Brignone a parte, è Marta Bassino. La giovane piemontese arriva da una stagione in chiaro scuro, in gigante ha ottenuto poco rispetto alle aspettative, ma i segnali nella ultime prove sono stati più che confortanti, quarta a San Vigillio di Marebbe, e fuori nella seconda manche nell’ultima prova della specialità di Lenzerheide, quando era sui tempi della Hrovat che chiuse terza.
Manuela Moelgg, tre terzi posti nelle prime tre giganti, poi tanti errori e prestazioni mediocri a causa anche di un piccolo problema al ginocchio. Arrivare non da favorita potrebbe esserle psicologicamente di aiuto. 

Sofia Goggia, bravissima in discesa libera, è attualmente la leader della classifica di specialità, in gigante quest’anno ha concluso poco, se si esclude il terzo posto di Kranjsca-Gora, quando ha sfruttato una tracciatura molto dritta, priva di angoli e una neve molto tenera, dove ha potuto sfumare al meglio le sue doti di scivolatrice.
Stanotte la bergamasca può fare qualsiasi cosa, uscire dopo poche porte o andare a podio, attaccherà a tutta, sarà lei “la mina vagante della nottata.

Federica Brignone partirà con il numero 1, avrà il grande vantaggio di troverà una pista intonsa, ma non godrà di informazioni sulla tracciato.
Manuela Moelgg numero 2, Marta Bassino numero 9 Sofia Goggia il 15, Worley il 4 Resenburg il 6 Shiffrin 7.
Le outsider Mowinckel 3 Brunner 5 Hrovat 19 Alphand 22.


Ultima ora: il forte vento che ha  costretto gli organizzatori a rinviare la discesa libera maschile di oggi, potrebbe causare lo slittamento ad altra data anche del gigante femminile, o ad abbassare la partenza accorciando il tracciato.

 

 

FM