Tu sei qui

Ospedale Parini - Inaugurata la nuova unità di terapia intensiva cardiologia

Data: 0 Comments

É stato inaugurato questa mattina al secondo piano del Blocco C dell’Ospedale Parini di Aosta la nuova unità di terapia intensiva del reparto cardiologia.

Il trasferimento dell’UTIL a fianco del reparto semintensivo, voluto dal dr Marco Sicuro e sostenuto dal dr Flavio Peinetti, rappresenta un primo importante passo per rafforzare la cardiologia e renderla in grado di rappresentare un primo importante passo per rafforzare la specialità e renderla in grado di soddisfare i bisogni dei pazienti.

In questo ospedale UTIC é presente fin dal 1983 - sottolinea il Commissario della USL VDA Angelo Pescarmora - La realtà valdostana è assolutamente al passo con i tempi. Voglio ringraziare in dr Marco Sicuro i due direttori di dipartimento  Giulio Doveri  e Flavio Peinetti che hanno condivisi questo progetto e lo hanno reso possibile”.

Un emozionato Flavio Peinetti ha così commentato: “ Dal 2010 sulle spinte dell’ufficio tecnico di Paolo Barbanti abbiamo pensato alla ristrutturazione di questo reparto, non é stato facile, ci sono stati anche dei contrasti, e anche grazie all’aiuto dell’amministrazione dell’azienda e della Regione ci siamo riusciti. Avere questo reparto di terapia intensiva di fianco al quello di ricovero ordinario é un grandissimo passo in avanti”.

É un grande segnale per il nostro ospedale, malgrado le difficoltà continua ad evolvere nella tecnologia  - direttore Dipartimento delle discipline mediche Giulio Doveri - evolvere con strutture più sicure e confortevoli ci aiuta nella nostra missione che é quella di lenire o eliminare la sofferenza nei nostri pazienti. La cardiologia rappresentata l’emblema dell’evolUnione della medicina in generale”.

Marco Sicuro direttore del dipartimento di Cardiolgia sottolinea la necessità di avere una tecnologia sempre adeguata e performante: “Ogni hanno abbiamo almeno 200/250 urgenze, di cui un centinaio di infarti acuti, tra questi 10 pazienti risiedono fuori regione,  per cui é indispensabile avere strutture come queste, per salvargli la vita. É importante anche per il tursimo dare la certezza di avere delle eccellenze sanitarie in caso di bisogno”.

Il trasferimento e la piena operatività della struttura avverrà lunedì, domenica di fatto il reparto verrà trasferito. Nella nuova struttura, ogni camera sarà dotata di maggiore privacy, per i degenti, si passa da due camerate a 6 di piccole dimensioni, di cui una dotata di pressurizzazione, strumento molto efficace in caso di particolari situazioni cliniche.

Alla cerimonia erano presenti anche l’Assessore alla Sanita regionale Luigi Bertschy e il Presidente della Regione Laurent Viérin.

”In questo anno e mezzo in cui ho presieduto l’Assessorato ho voluto portare un po’ di serenità e di equilibrio nella gestione delle cose.  - Sottolinea Bertschy - Io e il presidente che mi ha preceduto alla guida di esso,  abbiamo ereditato un mondo disunito e un po’ demoralizzato, la politica aveva abbandonato gli investimenti, oggi abbiamo cominciato a fare qualcosa. Non abbiamo mai detto che quello che abbiamo fatto é esaustivo e definitivo o sufficienze, anzi appena avremo risolto la questione finanziaria con lo Stato, l’attenzione a questo settore sarà ancora più importante”.

“Oggi é importante la concertazione, è fondamentale che le amministrazioni regionali e aziendali dialoghino con voi medici - Sottolinea il Presidente  Laurent Viérin - La Valle d’Aosta investe in Sanità, in Sociale e sul territorio, dobbiamo sempre guardare all’esterno e migliorarci e puntate verso l’eccelenza. La tecnologia é importante ma ancora di più lo sono le persone, che abbinano all’interno della nostra Sanità. Loro faranno la differenza, essendo pronti alle domande dei nostri cittadini ed attrattivi verso i pazienti delle altre regioni”.