Skip to main content

Salute e Ambiente

‘Nastro Rosa’ la campagna per la prevenzione del tumore al seno

- 0 Comments

Anche la Valle d’Aosta aderisce alla campagna Nastro Rosa per la prevenzione del tumore al seno. Giunta alla sua 26ª edizione, l’iniziativa è promossa dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori,  patrocinata dal Ministero della salute, è sostenuta dall’Assessorato della Sanità, insieme all’Assessorato dell’Istruzione e Cultura della Regione. 

La LILT offre un programma di visite senologiche gratuite a donne fino a 44 anni di età, attraverso una campagna di sensibilizzazione e di prevenzione cui si accompagna l’illuminazione in rosa di un monumento storico.

“Il cancro al seno risulta essere ancora il “grande killer” per la donna - ricorda l’Assessore alla Sanità, Salute e Politiche sociali e Formazione Chantal Certan - per quanto si debba considerare che la possibilità di guarigione, oggi, si attesta intorno all’80-85%, anche e, soprattutto in virtù delle campagne di screening che individuano precocemente la malattia, consentendo di intervenire prontamente. La campagna di screening del sistema sanitario nazionale è riservata, però alle donne di età compresa tra i 45 e i 69 anni, periodo finora considerato il maggior rischio di comparsa della malattia, ma stanno aumentando i casi di insorgenza in giovane età, a partire dai 30-35 anni. Vorrei ricordare che l’illuminazione e la caratterizzazione di un nostro monumento nostro bene culturale di un colore diverso e da una parte un simbolo dall’altra è un segnale di attenzione che vuole sollecitare proprio all’attenzione che bisogna avere anche per la prevenzione e per la nostra salute. 

“Il nostro patrimonio culturale diventa ancora una volta simbolo di valori culturali. Negli ultimi anni i beni del patrimonio monumentale della Valle D’Aosta - dichiara l’Assessore all’Istruzione e Cultura Paolo Sammaritani - vengono illuminati e colorati a sostegno di campagne di sensibilizzazione di tematiche che si ritiene debbano entrare a far parte del patrimonio culturale di tutti. La prevenzione, tra queste, deve essere cultura. Per questo ancora una volta la Porta Prætoria di Aosta si illumina di rosa, segno di come la Regione vuole sostenere la Lilt il cui impegno è anche fare cultura sull’importanza della prevenzione”.

Nella foto di copertina, la snowboardista Raffaella Brutto, che ricorda che il 28 ottobre a Milano si svolgerà la PittaRosso Pink Parade, la camminata che raccoglie fondi a sostegno dei ricercatori di Fondazione Umberto Veronesi, per combattere il tumore al seno. Per partecipare potete iscrivervi sul sito www.pittarossopinkparade.it

 

 

FM