Skip to main content

Economia e Lavoro

Mobilità sostenibile - Via libera dalla Giunta ai contributi

- 0 Comments

La Giunta regionale ha approvato oggi la delibera che contiene i criteri e le modalità per la concessione e l’erogazione dei contributi previsti dalla l. r. 16/2019 in materia di sviluppo della mobilità sostenibile.

"Esprimo grande soddisfazione per il percorso svolto – sottolinea l’Assessore alle Finanze Renzo Testolinche, anche grazie al lavoro delle strutture competenti, ci ha consentito, in tempi rapidi, di passare dall’approvazione della legge ad avviare la vera e propria fase operativa, che ci permetterà di promuovere e accompagnare lo sviluppo della mobilità sostenibile nella nostra regione e, in un’ottica più generale, di attuare un’iniziativa concreta con ricadute favorevoli sull’ambiente e sul nostro territorio. La Valle d’Aosta – prosegue l’Assessore – potrà così sempre di più rappresentare un buon esempio di attenzione alle problematiche ambientali, nell’ottica del raggiungimento dello sfidante traguardo di una regione Fossil Fuel Free nel 2040".

La legge introduce misure incentivanti per l’acquisto, il leasing e il noleggio a lungo termine di veicoli a bassa emissione, l’acquisto di veicoli a pedalata assistita e per la micromobilità elettrica, l’installazione di stazioni di ricarica domestiche e il rinnovo del parco veicoli di proprietà pubblica. A beneficiare dei contributi potranno essere i soggetti privati e gli enti locali e loro forme associative, gli enti pubblici non economici dipendenti dalla Regione e gli enti strumentali.

In particolare, secondo quanto disposto dalla deliberazione, nel caso di persona fisica, il richiedente deve aver compiuto i 18 anni di età, aver maturato almeno due anni di residenza, anche non consecutivi, nel territorio regionale, essere residente in uno dei Comuni della Regione alla data di presentazione della domanda ed essere in possesso della patente di guida in corso di validità, qualora sia necessario per la conduzione del veicolo per il quale si richiede il contributo.  

Il richiedente, nel caso in cui si tratti di un soggetto esercente attività economica, deve comunicare la propria partita IVA alla Struttura competente e deve operare in Valle d’Aosta con proprie unità locali alla data della presentazione della domanda. L’attività economica deve essere mantenuta almeno nei tre anni successivi alla data di concessione del contributo.

Le domande potranno essere presentate annualmente dal primo gennaio al 31 ottobre, utilizzando l’apposita modulistica predisposta dalla Struttura risparmio energetico, sviluppo fonti rinnovabili e mobilità sostenibile e caricata sul canale tematico ”Energia” del sito della Regione   e devono essere presentate alla Struttura medesima, secondo una delle seguenti modalità alternative:

  • a mano, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 14.00, presso lo sportello dedicato sito ad Aosta in Piazza della Repubblica 15;
  • in via telematica all’indirizzo di posta elettronica certificata industria_artigianato_energia@pec.regione.vda.it. In tal caso, la domanda può essere firmata digitalmente o, in alternativa, con firma autografa accompagnata dalla copia di un documento di identità.

Per gli acquisti effettuati nell’anno 2019, le domande potranno essere presentate da mercoledì  13 novembre 2019 fino al 31 marzo 2020, pena l’irricevibilità delle stesse.

Le domande dovranno essere presentate, entro 90 giorni naturali e consecutivi dalla data di emissione della fattura, regolarmente quietanzata oppure, in assenza della fattura, dalla data di sottoscrizione del contratto di acquisto, di leasing o di noleggio a lungo termine.

Categorie dei veicoli incentivabili

Sono ammessi a contributo gli investimenti per l’acquisto, il leasing e il noleggio a lungo termine dei veicoli, nuovi di fabbrica o usati, di cui all’articolo 2, comma 1, lettere b) della l.r. 16/2019, rientranti in una delle tipologie riportate nella tabella 1.

Misura del contributo

La misura del contributo si differenzia in funzione del tipo di beneficiario e in relazione alla sussistenza o meno della rottamazione di un veicolo della medesima categoria omologato nelle categorie Euro 0, 1, 2, 3 e 4.

Intensità dei contributi per il solo acquisto di veicoli delle categorie M e N di cui alla Tabella 1, il cui prezzo, risultante dal listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice, sia inferiore a 60.000,00 euro (IVA, messa su strada e imposta di trascrizione escluse) erogabili per soggetti privati non esercenti attività economica. Persone fisiche.

Intensità dei contributi per il solo acquisto di veicoli delle categorie M e N di cui alla tabella 1, erogabili per i soggetti privati esercenti attività economica non attinente al trasporto passeggeri.

Intensità dei contributi per il solo acquisto di veicoli delle categorie M e N di cui alla tabella 1, erogabili per i soggetti privati esercenti attività economica attinente al trasporto passeggeri.

Intensità dei contributi per il solo acquisto di veicoli delle categorie M e N di cui alla tabella 1, erogabili per gli enti locali e loro forme associative, gli enti pubblici non economici dipendenti dalla Regione e gli enti strumentali.

Intensità dei contributi per il solo acquisto di veicoli della categoria L di cui alla tabella 1, erogabili per i beneficiari di cui all’art. 7, comma 2 lettere a) e b)

Intensità dei contributi per il leasing e il noleggio a lungo termine di veicoli delle categorie M, N e L di cui alla tabella 1, erogabili per i beneficiari di cui all’art. 7, comma 2 lettere a) e b).

Intensità dei contributi per il solo acquisto di veicoli a pedalata assistita, per la micromobilità elettrica e per l’installazione di stazioni di ricarica domestiche, erogabili per i beneficiari di cui all’art. 7, comma 2 lettera a).