Tu sei qui

Les Mots 2018 - Ottimo il bilancio finale, delude solo Gabbani

Data: 0 Comments

Si é chiusa ieri sera, ad Aosta la nona edizione di Les Mots - Il Festival della Parola della Valle d’Aosta -  che ha animato con oltre 90 eventi Piazza Chanoux per 17 giorni, con un bilancio più che positivo. 

In attesa dei dati ufficiali, che saranno disponibili fra qualche giorno, gli organizzatori fanno sapere che dalle prime stime, l’edizione del 2018 ha fatto registrare il record di presenze.”Il tempo ci ha aiutato, non ha fatto ne troppo caldo ne troppo freddo e non abbiamo avuto giornate di pioggia insistenti, che allontanano il pubblico - Fanno sapere gli organizzatori - Il format della manifestazione piace, sia agli aostani che ai turisti. Per gli abitanti della Valle, Les Mots, é diventato un appuntamento fisso, spesso vengono qui senza sapere, quali argomenti saranno trattati, ma certi che la proposta culturale non li deluderà”.

Soddisfatto anche il direttore artistico della manifestazione Arnaldo Colasanti: “La formula di questo festival é vincente, la gente ha molta voglia di partecipare. Les Mots nasce dalle tante idee dei librai e degli organizzatori, che vengono percepite dal pubblico in uno scambio continuo e proficuo. La cultura é un cantiere di comunità: questo è stato Les Mots. - Sottolinea Colasanti - Spero di essere ancora il direttore nella prossima edizione, ho voglia di portare qualcosa di nuovo, ho delle carte da giocarmi, ma ora non voglio rivelarle”

La giornata di ieri e vissuta su tre grandi appuntamenti, la presentazione del libro di Roberto Louvin «Emilio Lussu - Émile Chanoux. La fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali», che ha visto una forte partecipazione del pubblico, il monologo di Vittorio Sgarbi sulla lungimiranza, il tema del festival, e sul colloquio finale tra Francesco Gabbani e il giornalista David De Filippi.

Proprio quest’ultimo momento, é stata forse la ‘Nota stonata’ dell’edizione 2018 del Festival: il vincitore del Sanremo 2017 é apparso estremante sicuro di se, sfociando spesso in atteggiamenti arroganti: “Il successo me lo aspettavo e me lo merito per il lavoro e talento. Non ho paura di non ripetere il successo di Occidentali’s karma”.

Rispondendo ad una domanda sulla sua collaborazione con Adriano Celentano, Gabbani senza alcun timore riverenziale risponde: “Era una canzone adatta a lui, gliela ho inviata e lui l’ha incisa”. 

Infine dopo essersi fatto immortalare in una foto sul palco insieme ai tanti bambini accorsi, il cantante toscano, é fuggito deludendo i molti che avrebbero voluto sentirlo intonare una canzone o scambiare una parola con lui. 

 

A questo link la nostra video intervista a Arnaldo Colasanti, Patrick Mitiga e Moreno Rossin https://www.facebook.com/AostaNews24new/videos/1726467447448135/

 

 

FM