Tu sei qui

Le nuove funzioni di Corecom Valle d’Aosta

Data: 0 Comments

Sono state presentate ieri dai rappresentati dal Corecom Valle d’Aosta le nuove deleghe attribuitagli con la sottoscrizione della Convenzione Agcom, Regione Valle d'Aosta e Corecom, firmata il 2 maggio 2018 dai rispettivi Presidenti, ossia La definizione delle controversie tra utenti e gestori della telefonia e della pay-tv, la gestione del Registro degli operatori di comunicazione (ROC), la vigilanza sul rispetto delle norme in materia di attività radiotelevisiva locale, una nuova tutela dei minori: sono queste le nuove deleghe attribuite al Corecom della Valle d'Aosta 

La Convenzione fa seguito al nuovo Accordo quadro per il conferimento e l’esercizio della delega di funzioni ai Comitati regionali per le comunicazioni, siglato il 28 novembre 2017 tra l'Autorità per le comunicazioni, la Conferenza delle Regioni e la Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative regionali.

Con la nuova Convenzione, al Corecom non spetteranno più soltanto funzioni di conciliazione tra utenti e gestori di telefonia, ma il Comitato potrà intervenire nella definizione delle controversie offrendo così un ulteriore servizio ai cittadini e alle aziende. Il Corecom dovrà garantire la separazione tra la funzione di conciliazione e quella di definizione della controversia e, nell'ambito di questa, tra competenze istruttorie e decisorie.

Grazie al lavoro di Corecom gli italiani nel 2017 hanno ottenuto circa 40.000.000, ci cui 110.00 in Valle d’Aosta,  di rimborsi, principalmente dalla compagnie telefoniche e dalla società della PayTV , per somme non dovute a quest’ultime. -  Sottolinea Enrica Ferri, presidente del  Corecom - Per  le nuove funzioni di definizioni delle controversie amplieremo il nostro da 3 a 5 persone. Le due nuove professionalità saranno individuate e formate tra quelle presenti negli elenchi regionali”.

Per quanto riguarda il Registro degli operatori della comunicazione, la gestione sarà assegnata secondo le linee guida fissate dall'Agcom e sotto il suo coordinamento. La delega comprende lo svolgimento, nell'ambito della competenza territoriale, dei procedimenti di iscrizione e gli aggiornamenti delle posizioni all'interno del Registro nonché il rilascio delle certificazioni attestanti la regolare iscrizione.

La vigilanza sul rispetto delle norme in materia di esercizio dell'attività radiotelevisiva locale avverrà mediante il monitoraggio delle trasmissioni dell'emittenza locale privata e di quella della concessionaria pubblica per l'ambito di diffusione regionale, con particolare riferimento agli obblighi in materia di programmazione, anche a tutela delle minoranze linguistiche e dei minori, pubblicità e contenuti radiotelevisivi previsti dal Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici.

In materia di tutela dell'utenza, con particolare riferimento ai minori, il Corecom promuoverà iniziative di studio, analisi ed educazione all'utilizzo dei media tradizionali e dei nuovi media nel rispetto degli indirizzi stabiliti dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni e delle Istituzioni competenti in materia, anche in attuazione di protocolli di intesa per la migliore tutela decentrata dei minori sul territorio italiano.

Un focus particolare sarà rivolto ai minori - Commenta Enrica Ferri  - voglio spiegare ai più piccoli le insidie che si nascondono  nel web e nei social network. Una analoga attività poi sarà estesa anche agli anziani, per prevenire e metterli in guardia da eventuali truffe”. 

Restano confermate le funzioni istruttorie e decisorie nell'ambito dell'esercizio del diritto di rettifica con riferimento al settore radiotelevisivo locale, la vigilanza sul rispetto dei criteri riguardanti la pubblicazione e la diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa diffusi in ambito locale, la vigilanza sulle spese pubblicitarie per le attività istituzionali degli enti pubblici.

Durante le ultime due tornate elettorali, non abbiamo avvisato alcuna situazione di irregolarità o di non rispetto della parcondicio, da parte delle testate giornalistiche. - Sottolinea ancora Ferri - Sul fronte della comunicazione dei partiti politici, specialmente sui social, che attualmente non sono regolamentati abbiamo ravvisato alcune criticità come il non rispetto del ‘silenzio elettorale del sabato’, ma attualemente non abbiamo lo possibilità di agire nei loro confronti. Agicom sta vagliando delle norme,che speriamo possano entrare in funzione al più presto”