Tu sei qui

"Labirinti di memorie. Plonger dans le sous-sol du Musée à la découverte de l’homme: celui du passé et celui de demain"

Data: 0 Comments

"Labirinti di memorie. Plonger dans le sous-sol du Musée à la découverte de l’homme: celui du passé et celui de demain" questo il tiolo della mostra permanente allestita nelle antiche fondazioni del Museo Archeologico Regionale che insistono sui resti monumentali della cinta romana e di una porzione della porta Principalis Sinistra, oggetto di recenti scavi e nuove scoperte, che sarà inaugurata il prossimo venerdì 21 luglio alle ore 18.

"Labirinti di memorie est une exposition à visiter en prenant son temps, dans tous les sens du mot – spiega l'Assessore alla Cultura Chantal Certanparce qu’elle nous met face à la vie, en nous rendant vulnérable à celle-ci, en lui donnant le moyen d’éprouver des émotions. C’est aussi cela, l’archéologie : elle nous fait réfléchir à l’instant présent et nous oblige à en prendre conscience, elle nous aide à ouvrir les yeux sur ce qui nous entoure et sur des univers que souvent nous négligeons".

Il sottosuolo archeologico è da anni sede di mostre monografiche dedicate agli approfondimenti tematici sull’archeologia, ma l’allestimento del nuovo percorso museale può essere inteso, a tutti gli effetti, quale “raddoppio” del MAR stesso. Nelle prime sale del sottosuolo sono esposti qualche centinaio di reperti inediti e fino ad oggi conservati presso i magazzini della Soprintendenza; la seconda parte del percorso condurrà, invece, il visitatore in un ipotetico viaggio in un Museo del Futuro realizzato dalla ricerca e dagli scavi condotti da Dorhata, una giovane archeologa del 2492 della Nuova Era, che con i suoi scavi ricostruirà ciò che di noi sopravvivrà del nostro attuale Presente.

Il percorso consente, attraverso un viaggio nel labirinto delle strutture romane, medievali e moderne, di presentare reperti ancora in corso di studio, per proporli all’attenzione dei suoi visitatori con un’esposizione suggestiva ed emotivamente coinvolgente.

La mostra sarà corredata da una brochure e sono in programma per l’autunno conferenze, visite guidate, attività didattiche e di approfondimento sia per le scuole di ogni ordine e grado, sia per il grande pubblico. Entro la fine dell’anno, inoltre, verrà pubblicato un catalogo concepito come una raccolta di saggi redatti da autori di diversa formazione culturale.

La Redazione