Tu sei qui

La Stazione di Aosta cambia volto - Presentato il progetto di riqualificazione

Data: 0 Comments

Restyling per la stazione, rifacimento dei sottopassi, installazione di quattro ascensoricon videosorveglianza, illuminazione a led, abbatimento delle barriere architettoniche, innalzamento dei marciapiedi tra i binari a 55 cm, percorsi tattili per nonvedenti, sono questi ipunti fondamentali del progetto di riqualificazione presentato questa mattina dalla Direzione Regionale di Trenitalia e dalla Direzione di RFI al Presidente della Regione Pierluigi Marquis, all'Assessore ai Trasporti Claudio Restano, al Sindaco di Aosta Fulvio Centoz e all'Assessore ai Lavori Pubblici di Aosta Valerio Lancerotto.

I lavori, che prevedono anche la realizzazione di un sottopasso di collegamento con il terminal dei Bus, prenderanno i via il prossimo anno, un'intervento per 7 milioni di euro curato da Centostazioni, società del gruppo Ferrovie dello Stato, che gestisce 103 stazioni italiane di medie dimensioni.

"Il progetto su Aosta è importante e ci porterà ad eliminare tutte le barriere architettoniche - ha detto Paolo Grassi Direttore di RFI -  faremo un passo ulteriore nell'ottica dell'interscambio con il collegamento all'area degli autobus di fronte alla stazione" Una riqualificazione anche per migliorare l'informazione per l'utenza "Il sottopasso verrà riqualificato, tutto a vetri, illuminato, sarà risolto il problema delle barriere architettoniche con l'inserimento degli ascensori e rialzati tutti i marciapiedi, riqualificheremo tutte le pensiline compresi gli impianti di illuminazione che saranno a led - ha spiegato Diego Capuano Archietto di Centostazioni -  È una stazione tutelata dalla sovrintendenza, garantiremo il fabbricato mantenendolo il più vicino possibile alla sua immagine storica e lo riqualificheremo anche dal punto di vista delle informazioni per il pubblico sui marciapiedi e nel fabbricato migiorando il servizio quotidiano".

Dal punto di vista Regionale a breve verrà firmato il piano strategico e l'accordo quadro "Il nostro primo obiettivo è prendere atto delle problematiche e risolverle - ha sottolineato l'Assessore ai Trasporti Claudio Restano - questo progetto è importante per l'evoluzione della Ferrovia nella nostra Regione. A breve firmeremo il piano strategico e l'accordo quadro per rilanciare il trasporto pubblico in Valle d'Aosta". Soddisfazione anche da parte del Presidente della Regione Pierluigi Marquis che aggiunge "È stato presentato questa mattina un importante progetto per la Valle d'Aosta, andiamo avanti sulla strada intrapresa verso l'elettrificazione e l'ammodernamento della linea".

Il progetto della riqualificazione della Stazione si inserisce a pieno in quello di riqualificazione di Piazza Manzetti, come ha spiegato il Sindaco di Aosta Fulvio Centoz "Finalmente risolviamo un problema di collegamento tra zona sud e centro storico. La riqualificazione di Piazza Manzetti si inserisce nel bando delle periferie, un intervento che cambierà il volto di questa parte della Città. Il progetto che era già stato eleborato dal comune e che noi abbiamo rispolverato prevede l'istituzione di una vera rotonda alla francese con la dislocazione diversa della zona dei taxi e corsie per gli autobus che arrivano alla stazione. Un intervento sostanzioso che migliorerà il volto di Aosta". Per quanto riguarda invece i tempi di realizzazione "Rfi ha previsto la realizzazione in due anni, sul bando periferie stiamo aspettando la definizione del finanziamento ma credo che ci inseriremo con l'avvio dei lavori del sottopasso, quindi nell'arco del 2018/2019".

Trenitalia ha approfittato dell'occasione per fare un bilancio del servizio nel primo quadrimestre del 2017 "I nostri Treni trasportano circa 10.000 viaggiatori che salgono o scendono utilizzando 7 stazioni in Valle d'Aosta e 7 in Piemonte - ha spiegato Luca Zuccalà, direttore regionale di Trenitalia - il bilancio del quadrimestre si chiude con un trend decisamente positivo. Grazie alle performance di marzo (puntualità reale 93,2%) ed aprile (puntualità reale 93,5%) la puntualità media regionale aumenta del 10,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno".

Il servizio ha riscontrato un indice di regolarità del 99%, una puntualità reale (arrivo entro i 5 minuti dell'orario previsto) del 92,4%, con soltanto lo 0,9% delle corse cancellate e solo il 2,2% in ritardo per cause imputabili direttamente a Trenitalia.

g.p.