Tu sei qui

Forestali - Nogara: “Durante gli incontri i sindacati hanno espresso soddisfazione per la gestionee dei lavoratori”

Data: 0 Comments

L’Assessore all’Agricoltura della Regione Alessandro Nogara in una nota diffusa a mezzo stampa risponde alle accuse e alla critiche, sulla presunta mala gestione dei lavoratori del comparto forestale, lanciatogli dai sindacati di categoria nei giorni scorsi. 

Negli ultimi mesi, l’Assessorato ha organizzato diversi incontri con le Organizzazione sindacali nel corso dei quali sono stati condivisi il programma degli interventi dei cantieri forestali, le assunzioni suddivise per settori e qualifiche e le modalità di reclutamento del personale. Durante gli incontri, non sono emerse particolari osservazioni da parte dei rappresentati sindacali che anzi, hanno espresso soddisfazione per l’aumento del numero e del periodo di assunzione degli operai a tempo determinato. - Sottolinea Nogara - 

A tale proposito, l’Assessorato ricorda che il Governo regionale - al fine di attuare “il reale rilancio nel settore forestale” - ha approvato nell’aprile 2018, il piano degli interventi finalizzati per la manutenzione del territorio, prevedendo l’assunzione di 375 operai per un periodo di n. 110 giornate lavorative, ai quali si aggiungono i 25 addetti over 50 uomini e over 45 donne, per i piani di intervento in ambito agricolo, per un totale di 400 operai. Sulla base di tale programma, le strutture dell’Assessorato hanno espletato le procedure per le assunzioni del personale, nel rispetto delle normative vigenti che disciplinano il reclutamento dei dipendenti di una pubblica amministrazione seppur con contratto di diritto privato come nel caso degli addetti-idraulico forestali.

In pochi mesi, grazie all’impegno del personale del dipartimento Corpo forestale della Valle d’Aosta e risorse naturali, sono state portate a termine 17 procedure selettive, suddivise per profili e corrispondenti ai livelli contrattuali, con l’esame di n. 2131 domande dei candidati. L’Assessorato dell’Agricoltura e risorse naturali ritiene comunque opportuno evidenziare, - anche nel rispetto del lavoro svolto dagli uffici -  che prima di ricevere le domande, il personale dell’Amministrazione regionale ha fornite la massima assistenza per permettere la corretta compilazione dei moduli.

I candidati, sulla base delle graduatorie, sono stati sottoposti, così come previsto dalle norme vigenti in materia di salute e sicurezza dei lavoratori, alle visite mediche pre-assuntive obbligatorie presso il medico compente. Le assunzioni degli operai giudicati idonei sono attualmente in corso e si concluderanno il prossimo 14 giugno, in base al programma di apertura dei cantieri. Si evidenzia che le graduatorie approvate  hanno una durata triennale e quindi la mole di lavoro portata a termine quest’anno per la loro formazione, sarà utile per le assunzioni dei prossimi anni.

L’Assessorato coglie inoltre l’occasione per rendere noto che quasi tutte le graduatorie degli operai con qualifica superiore sono esaurite nonostante il rilevante numero di domande presentate. - Continua Nogara - 

L’incremento delle risorse destinate all’esecuzione degli interventi di manutenzione del territorio eseguiti dai cantieri forestali, l’aumento del numero e del periodo di assunzione degli operai, l’espletamento di procedure di assunzione con l’attribuzione delle relative qualifiche e l’assegnazione delle sedi di lavoro effettuate in maniera trasparente e nel rispetto delle vigenti normative attestano la messa in atto della volontà dell’attuale Governo regionale di rilanciare il settore forestale, un settore mortificato da precedenti scelte politiche poco comprensibili e di fatto avvallate dalle Organizzazioni sindacali che all’epoca si erano fatte sentire poco.

Alla luce delle dichiarazioni dei rappresentati sindacali, oltre che incomprensibili per l’Assessore all’Agricoltura e risorse naturali Alessandro Nogara, appaiono pretestuose.In ogni caso, gli uffici dell’Assessorato  rimangono comunque a disposizione per chiarire le perplessità delle Organizzazioni sindacali nel rispetto delle parti e nel reale interesse dei lavoratori”.

 

 

La Redazione