Tu sei qui

Corte dei Conti - No alla sospensione del procedimento sul finanziamento al Casinó

Data: 0 Comments

É stata bocciata la richiesta degli avvocati difensori dei 21 tra Consiglieri ed ex, imputati dalla Corte dei Conti di Aosta, per danno erariale in riferimento al finanziamento di 140 milioni di euro erogato al Casinó de la Vallée, tra il 2012 e il 2015.

Nessun differimento, dunque sta proseguendo in aula in queste ore l'esame di merito. Lo hanno deciso in via preliminare i giudici della sezione giurisdizionale della Corte dei conti della Valle d'Aosta, pronunciandosi sulla questione preliminare posta dagli avvocati Gianni Maria Saracco, Carlo Emanuele Gallo e Stefano Marchesini, in rappresentanza di 12 politici.

La richiesta dei legali della difesa degli imputati si basava sul fatto che, la sezione penale del Tribunale di Aosta, ha aperto un procedimento sui fondi al Casini' per truffa aggravata e falso in bilancio e che vede imputati a vario titolo, tra gli altri, Augusto Rollandin, Ego Perron e Mauro Baccega, coinvolti anche nel procedimento contabile.

Contrari gli altri difensori e anche il procuratore regionale Roberto Rizzi: "I fatti sono in parte gli stessi e procedono su binari diversi".