Tu sei qui

Consorzi di miglioramento fondiario - Istituzione di un gruppo di lavoro per analizzare le problematiche

Data: 0 Comments

APPROVATI NUOVI CRITERI APPLICATIVI PER LE INFRASTRUTTURE RURALI

L'analisi e la valutazione delle problematiche relative ai consorzi di miglioramento fondiario sono state oggetto di una delibera di Giunta con la quale si prevede l'istituzione di un gruppo di lavoro. Nel corso dell’incontro plenario, svoltosi nel mese di giugno, era emersa da parte dei rappresentanti dei Consorzi di miglioramento Fondiario della Valle d’Aosta la necessità di istituire un gruppo di lavoro per analizzare e valutare le varie problematiche emerse nel corso degli anni nel settore e per individuare adeguate soluzioni innovative per un corretto funzionamento dei consorzi stessi, per la programmazione di nuovi lavori comprensoriali e la regolamentazione dell’utilizzo delle acque di irrigazione.

"I consorzi - spiega l'Assessore all'Agricoltura Laurent Viérin - sono punto di riferimento importante per il nostro territorio e per questo dopo il proficuo incontro plenario che abbiamo avuto con i rappresentanti dei CMF della Valle d’Aosta, abbiamo lavorato, come richiestoci, in tempi celeri per la costituzione di un gruppo di lavoro composto dai rappresentanti dei professionisti e dai rappresentanti dei consorzi su base territoriale, divisi per Unités des Communes, con cui l'Assessorato traccerà le linee d'intervento per il futuro e l'ordine di priorità, affrontando anche le emergenze e gli specifici dossiers relativi alle manutenzioni. È nostra intenzione lavorare in sinergia con i consorzi per affrontare una corretta pianificazione degli interventi e le problematiche relative alla gestione delle risorse idriche".

Il gruppo di lavoro sarà composto, oltre che da funzionari dell’Assessorato, ai quali spetteranno i compiti di coordinamento e supporto tecnico alle attività svolte, da due rappresentanti dei consorzi riconosciuti per ciascuna delle Unités de communes valdôtaines e del territorio comunale di Aosta e da un rappresentante dell’ordine professionale dei geometri, un rappresentante dell’ordine professionale degli ingegneri e un rappresentante infine dell’ordine professionale degli agronomi e dottori forestali.

Sempre nel corso della seduta odierna della Giunta regionale sono stati approvati i nuovi criteri applicativi per infrastrutture rurali di competenza dei Consorzi di miglioramento fondiario, consorterie e altri enti locali gestori di opere irrigue su territorio regionale.

"Con queste importanti novità - conclude l'Assessore -  abbiamo voluto lavorare per contribuire a snellire le procedure burocratiche per i Consorzi, cercando per quanto di nostra competenza di valorizzare e far crescere il più possibile questi enti, che basati sul volontariato, tutelano con il loro lavoro il nostro territorio e la ruralità. Occorre che l’Amministrazione agevoli tali enti attraverso una pianificata azione di raccordo e portando avanti le istanze che in questi ani sono state fortemente sollecitate".

Tra le principali novità:

  • La percentuale di aiuto a fondo perduto, in riferimento al disegno di legge recentemente approvato in Consiglio regionale, sale dall’80% al 90%;
  • L’introduzione della possibilità di beneficiare di aiuti nella formula mista, vale a dire aiuti a fondo perduto e mutui a tasso agevolato;
  • L’opportunità per i consorzi irrigui e i consorzi di miglioramento fondiario di beneficiare degli aiuti a condizione di procedere all’affidamento dei lavori e dei servizi secondo criteri di concorrenza, economicità e rotazione;
  • L’opportunità delle medesime agevolazioni previste per consorterie ed enti gestori di opere irrigue.

La Redazione