Skip to main content

Politica e Istituzioni

Consiglio Valle - Maggioranza si alla quotazione CVA, opposizione contraria

- 0 Comments

La maggioranza che in Regione sostiene il Governo Fosson, punta alla quotazione in Borsa di CVA, infatti quest’oggi in Consiglio Valle, con una risoluzione collegata alla relazione della commissione speciale, ha chiesto alla Giunta di presentare un disegno di legge per riprendere il processo di quotazione. Contestualmente il documento chiede di proseguire nella presentazione una norma di attuazione che "rafforzi la potestà legislativa regionale in materia di affidamento delle concessioni delle grandi derivazioni ad uso idroelettrico in scadenza nei prossimi anni,  di definire una norma di attuazione che in Valle d'Aosta disponga la soppressione dalla bolletta elettrica della componente tariffaria a favore dello Stato (oneri di trasporto e di sistema)". 

La proposta inoltre prevede anche la fissazione della percentuale massima collocabile, la riserva di una quota da destinarsi all'azionariato popolare e il rimborso ai valdostani di parte della bolletta delle utenze domestiche attraverso gli utili della CVA. 

Il documento dovrà essere votato dall'aula mentre per la relazione è prevista solo una presa d'atto. L'amministrazione regionale nei prossimi giorni dovrà anche decidere sul futuro management della società, scegliendo se confermare il presidente Marco Cantamessa e l'amministratore delegato Enrico De Girolamo oppure se sostituirli con altri manager. Scelta che è legata al percorso che verrà definito dalla proprietà. 

Le opposizioni non hanno lesinato critiche alla decisione presa dalla controparte. Rete Civica, ADU e il Movimento 5 Stelle, chiedono che la proprietà della società resti totalmente della Regione, mentre Lega e Mouv vorrebbero avere più tempo per capire le reali conseguenze e potenzialità della scelta. Per questo due ultimi gruppi la scelta della maggioranza è dettata da ragioni elettorali, a loro dire con i proventi della vendita, i partiti di governo ‘finanzierebbero progetti già promessi duranti i loro comizi’.