Skip to main content

Politica e Istituzioni

Consiglio Regionale - Emily Rini "Una risoluzione per tutelare l'onorabilità e la credibilità dell'aula'

- 0 Comments

Dopo la sospensione avvenuta questa mattina seguita della notizia dell'arresto di Marco Sorbara, Consigliere di Union Valdotaine, nell'operazione anti ndrangheta condotta dai carabinieri di Torino, coordinata dalla Procura di Torino, sono ripresi i lavori del Consiglio Valle.

La Presidente Emily Rini aprendo il dibattito, eprimendo tutto il suo sconcerto per l'accaduto,  ha convocato una riunione dei capigruppi, per redige un documento, il più possibile condiviso per tutelare l'onorabilità e la credibilità delle Istituzioni.

"Per me è un onere non facile iniziare questa seduta, perché i fatti gravissimi di cui siamo venuti a conoscenza questa mattina hanno profondamente colpito al cuore e la massima assemblea rappresentativa valdostana, - Dichiara Rini - motivo per cui proprio al fine di tutelare la credibilità e l'onorabilità di questo Consiglio regionale, che noi tutti rappresentiamo, propongo ai colleghi una sospensione dei lavori, per poter subito condividere il testo di una risoluzione attraverso la quale questa assemblea posso assumere una presa di posizione chiara e ferma in riferimento ai gravissimi fatti, senza con questo entrare nel merito delle contestazioni mosse alle singole persone coinvolte nel procedimento penale, che come sancito peraltro anche dal nostro ordinamento, avranno tutto il diritto e dovere di di difendersi e di poter produrre le eventuali giustificazioni nel caso delle sedi competenti.

Auspico che il documento sia anche il più possibile condiviso da tutti i consiglieri regionali. Nel corso delle indagini della DIA di Torino a noi tutti spetta innanzitutto il compito come dicevo prima di tutelare l'onorabilità e la credibilità delle istituzioni, a partire dalla massima assemblea rappresentativa valdostana che peraltro noi tutti rappresentiamo, dopodiché è giusto che la giustizia faccia il suo corso e che la magistratura faccia piena chiarezza sulle vicende ipotizzate in sede di indagini.