Tu sei qui

Comune di Aosta - Definito il calendario delle manifestazione e modifiche per le strutture residenziali per anziani

Data: 0 Comments

La Giunta del Comune di Aosta nella seduta odierna ha approvato la bozza quasi definitiva del calendario delle attività relative al periodo aprile – dicembre 2018 nel quale sono definiti gli eventi, le manifestazioni, le iniziative che l’ammistrazione  intende realizzare o promuovere fino a fine anno.

Il calendario raccoglie 60 tra manifestazioni ed eventi previsti nei prossimi in otto mesi che spazziano da “Vivicittà” del prossimo 15 aprile fino ai festeggiamenti della notte dell’ultimo dell’anno, nei settori sport, commercio, cultura e turismo. 5 saranno quelli realizzati direttamente dall’Amministrazione, 13 tramite soggetti esterni professionisti del settore 6 in compartecipazione con soggetti pubblici o privati tramite lo strumento di appositi accordi di collaborazione, 36 la concessione di patrocini.

La Giunta ha autorizzato alcune modifiche al contratto d’appalto per la gestione del servizio di assistenza domiciliare, strutture residenziali e semiresidenziali, servizio pasti caldi a domicilio, servizio di telesoccorso, teleassistenza e numero verde, servizio di prossimità dal 1° marzo 2017 a fine febbraio 2019 con la cooperativa sociale Kcs Caregiver.
Le modifiche si rendono necessarie in quanto dal 1° luglio 2018 è prevista l’apertura della struttura residenziale e semi-residenziale per anziani “Bellevue” in viale Gran San Bernardo, a seguito della conclusione degli interventi di riqualificazione dell’immobile precedentemente destinato ad attività ricettiva alberghiera.

Tale evento comporterà una riorganizzazione complessiva dei servizi rivolti agli anziani non autosufficienti o parzialmente autosufficienti ospitati nelle attuali strutture residenziali e semiresidenziali cittadine, a seguito della contestuale chiusura della micro-comunità di via Rey e del centro diurno sito di via Capitano Chamonin, e della contestuale scadenza della convenzione con la APSP J. B. Festaz per la gestione di 12 posti di centro diurno.Peraltro, rispetto alle attuali capienze, lo scenario futuro prevede, nell’ambito del contratto di appalto, un aumento di tre posti letto complessivi nelle strutture residenziali e di 14 posti complessivi nelle strutture semi-residenziali.


 

 

La Redazione