Tu sei qui

Coldiretti - Primo incontro con il neo Assessore Gerandin

Data: 0 Comments

Si é svolto martedì scorso il primo incontro tra  il Presidente della Coldiretti Valle D’Aosta Giuseppe Balicco, il direttore Richard Lanièce e il neo Assessore all’Agricoltura della Regione Elso Gerandin, con l’obiettivo di aprire un primo confronto sulle difficoltà del mondo agricolo ed evidenziare alcune priorità sulle quali  l’associazione attente azioni della nuova Amministrazione regionale.

Balicco e Lanièce hanno sottolineato la necessità di completare, in tempi celeri, i pagamenti dei contributi attesi dal mondo agricolo essenziali per la sopravvivenza e la possibilità di sviluppo delle aziende valdostane. “Crediamo che sia indispensabile rafforzare l’azione per la risoluzione delle anomalie e il superamento dei problemi tecnici che coinvolgono, in particolare, i contributi delle ultime tre annualità e, allo stesso tempo, superare le incertezze sul rispetto degli iter procedurali previsti dai singoli bandi relativi alle misure strutturali” ha spiegato Richard Lanièce.

Inoltre durante il colloquio, hanno anche evidenziato le crescenti problematiche degli allevatori relative ai danni subiti alle coltivazioni e al bestiame dovuti alla fauna selvatica. “Deve essere riconosciuta l’emergenza fauna selvaticaper le aziende agricole e devono essere prese in seria considerazione le conseguenze dalle stesse subite: solo così si potrà dare una soluzione a problemi troppe volte sottovalutati” ha sottolineato poi Giuseppe Balicco.

La terza priorità messa sul tavolo è stata quella relativa all’azione corale per la difesa e la valorizzazione dei prodotti agricoli valdostani con la piena opposizione ai trattati internazionali (vedi CETA) che, di fatto, aprono alla liberalizzazione delle imitazioni delle produzioni più tipiche come la nostra Fontina.

All’Amministrazione regionale, infine, Coldiretti Valle d’Aosta ha richiesto l’apertura, entro l’autunno, dei tavoli di confronto sulla futura programmazione dello sviluppo rurale con il massimo coinvolgimento delle organizzazioni agricole riconosciute al fine di creare una proficua concertazione utile a superare le criticità del passato.  

 

FM