Skip to main content

Territorio ed Eventi

Celva - Norme più stringenti per le ‘Macchinette mangiasoldi’

- 0 Comments

Il Consiglio di Amministrazione del Celva ha approvato ieri lo schema di regolamento comunale su sale giochi e spazi per il gioco che ora è a disposizione di tutti i Comuni valdostani per disciplinare le modalità di apertura e gestione di sale giochi e le modalità di installazione ed uso di apparecchi per giochi da intrattenimento e di abilità.

Il regolamento è rivolto alle attività commerciali, i circoli privati, gli esercizi di intrattenimento e pubblici e gli esercizi per i quali occorre il titolo abilitativo all’esercizio di giochi leciti, in conformità a quanto previsto dal Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza e dalla legge regionale.

Riccardo Bieller, responsabile politico del tema per il Consorzio degli enti: “Arriviamo alla conclusione di un lavoro svolto negli ultimi mesi all’interno del gruppo di lavoro tecnico, coordinato dal Celva e composto anche dall’Azienda USL e dai comuni di Aosta, Châtillon e Valtournenche. Siamo consapevoli della drammaticità di un problema che colpisce anche la nostra comunità, e abbiamo voluto fornire un supporto specifico a tutti i Sindaci, affinché possano disporre di strumenti comuni per il contrasto all’azzardopatia. L’obiettivo condiviso da tutto il Consiglio di Amministrazione è porre un argine alla disponibilità illimitata, o quasi, delle offerte di gioco, con particolare attenzione alla tutela dei giovani e delle fasce più deboli della popolazione, attratti dall’illusione di una vincita facile”.

Il regolamento tipo nasce dalla consapevolezza di dover adottare un provvedimento a tutela della comunità, volto a limitare l’uso degli apparecchi da gioco d’azzardo leciti, promuovendo i comportamenti virtuosi e gli stili di vita sani e recepisce gli allarmi riferiti alla piaga del gioco d’azzardo patologico (GAP).

In particolare, individua in otto ore giornaliere l’orario massimo di funzionamento degli apparecchi di intrattenimento e svago con vincita in denaro, con una previsione identica su tutto il territorio, al fine di evitare un trasferimento di giocatori da un Comune all’altro: dalle 9:30 alle 11:30, dalle 15 alle 18 e dalle 21 alle 24 di tutti i giorni, compresi i festivi. Inoltre, per l’apertura, il trasferimento o l’ampliamento di sale giochi e spazi per il gioco, è prevista la presentazione di segnalazione certificata di inizio attività al Comune e norme più stringenti, le strutture dovranno avere una distanza non inferiore a 500 metri da istituti scolastici di ogni ordine e grado, strutture culturali, ricreative o sportive, strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio-assistenziale, strutture ricettive per categorie protette, ludoteche per minori e altri luoghi sensibili che la Giunta comunale può ulteriormente individuare.