Skip to main content

Cronaca

Casinò - Si dei sindacati al piano esuberi. Le reazioni della politica

- 0 Comments

Con 363 voti a favore i dipendenti della Saint-Vincent Resort&Casinò hanno approvato l'accordo con l'azienda sui tagli ai costi del personale. 56 sono stati quelli contrari, sette schede bianche e 12 nulle. Al Grand Hotel Billia gli esuberi saranno 64, di cui 29 potranno accedere al pensionamento incentivato, mentre nell'area della casa da gioco i lavoratori saranno 33 (contro i 104 inizialmente previsti) le persone che persone che perderanno il lavoro. L'accordo potrà essere inserito nel piano di concordato che l'amministratore unico Filippo Rolando dovrà presentare al Tribunale di Aosta a inizio marzo.

Sull'argomento arrivano anche le reazione della politica regionale.

Stefano Aggravi, Lega ed ex Assessore al Bilancio con delega al Casinò sottolinea come i lavoratori, abbiano coscientemente seguito la strada da lui tracciata.

“Con il voto favorevole da parte dei lavoratori dell'accordo che consentirà di diminuire significativamente il costo del personale, il percorso verso il deposito del piano di concordato va avanti.  - Commenta Aggravi - Una strada non facile quella a suo tempo intrapresa, ma necessariamente l'unica concreta possibilità di risanare una azienda fortemente in difficoltà. Sono convinto oggi, ancora di più, di aver fatto la cosa giusta. Avanti così!”

Soddisfazione per il risultato del referendum al Casino è stata espressa dalla maggioranza che sostiene il Governo Fosson : E’ questo un passo significativo e decisivo per dare solidità al concordato in continuità. I dipendenti hanno dimostrato serietà di credere nell’Azienda e nelle sue potenzialità. Nelle potenzialità della Casa da Gioco crediamo anche noi, consapevoli della fase critica che sta attraversando. Ringraziamo i sindacati per il loro importante contributo di raccordo tra dipendenti e vertici dell’Azienda.

Crediamo che  si stiano facendo passi in avanti per arrivare al rilancio di un’Azienda che ancora rappresenta un elemento importante per l’economia della regione”.