Skip to main content

Cronaca

Campione d'Italia - Dopo il fallimento del Casinò anche le scuole senza riscaldamento

- 0 Comments

Scuole e uffici comunali e postali senza gasolio e di conseguenza al freddo, dipendenti comunali senza stipendio da alcuni mesi, e l'impossibiltà di erogare anche i servizi minimi, da parte dell'Ente territoriale. Questa drammatica fotografia arriva da Campione d'Italia alle prese con il fallimento della Casa da Gioco, che ha messo in ginocchio l'economia del paese comasco.

Il Casinò dichiarato fallito lo scorso anno ha portato il Municipio in dissesto finanziario, pare che sia a rischio anche la fornitura di energia elettrica nei locali comunali per morosità,
Intanto per gli ex dipendenti dalla Sala da Gioco sono rimasti senza percepire alcun compenso da quasi 12 mesi, l'ultima busta paga liquidata risale al marzo 2018.

I sindacati per queste ragioni hanno proclamato tre giorni di sciopero, che coinvolgerà tutte le attività del paese per dal 25 al 27 febbraio. A Campione si aspetta da mesi ancora la nomina di un commissario da parte del Governo, che dovrebbe trovare una soluzione che possa portare alla riapertura della Casa da Gioco e ridare fiato al paese. Proprio su quest'ultimo punto nei giorni scorsi si è levato l'appello del Presidente del Consiglio della Regione Lombardia.