Tu sei qui

Bruxelles - Gli incontri del Presidente Viérin con la Commissione Europea

Data: 0 Comments

Oggi a Bruxelles , dopo avere sottoscritto la dichiarazione concernente la Posizione dell’Euroregione Alpes-Méditerranèe  sul futuro  della politica di coesione, il Presidente della  Valle d’Aosta e gli altri 4 rappresentanti delle Regioni che ne fanno parte, hanno incontrato i membri della Commissione europea.

Durante il primo colloquio il Presidente Laurent Viérin, ha chiesto al Commissario al bilancio, M. Gunther Oettinger di rinforzare la politica di coesione garantendo un sussidio di risorse in favore dei territori di montagna più importante, in particolare per ciò che riguarda la politica agricola di montagna e dei servizi essenziali in questi territori: la scuola,  i trasporti, l'educazione, i servizi sanitari e di assistenza.

Con M. Risto Artjoki, direttore di gabinetto del Vicepresidente della Commissione europea all'impiego, alla crescita, agli investimenti ed al competitività J. Katainen, il Presidente della Regione ha ricordato i differenti progetti delle zone di confine che la Valle d’Aosta ha predisposto negli ultimi anni, come  il PIT Espace Monte-bianco, il progetto " E-rés@mont" ed il progetto " MisMI" (Modello integrato di Salute per una Montagna Inclusiva).

In fine mattinata, Laurent Viérin  ha incontrato M. Nicola di Michelis, direttore di gabinetto del Commissario europeo alla politica regionale Corina Cretu.

Durante questa riunione, sono stati esaminati i problemi relativi all'agricoltura di montagna, di cui la Valle d’Aosta è certamente una delle regioni più rappresentative a causa del suo territorio, e la necessità di rendere più agili, semplici e rapide le procedure burocratiche.
Queste dovrebbero essere basate su delle disposizioni di applicazione differenti e flessibili dei regolamenti in materia di agricoltura, sulla promozione di azioni collettive e territoriali, e beneficiare di aiuti più importanti in ciò che riguarda le pratiche e le attività, che si adattino meglio alle specificità locali.

È stato sottolineato, durante questo incontro, che lo spazio di montagna delle Alpi riveste un interesse primario stesso per le zone di pianura: basti pensare alla salvaguardia del territorio del punto di vista idrogeologico per la riduzione dei rischi legati alle inondazioni; inoltre é stato ribadito che lo spopolamento di queste zone in difficoltà può essere rallentato solo con una politica  che comprenda, la disponibilità di servizi comparabili a quelli delle zone di pianura, e una strategia di sviluppo intersettoriale 


Oggi è stata una giornata importante per sollecitare l'Europa sulle esigenze concrete dei territori alpini, come rappresentanti delle 5 Regioni della Eurorégion Alpes Méditerranée, Vallée d'Aoste, Piemonte, Liguria, Auvergne-Rhônes-Alpes et Provence-Alpes-Côtes d'Azur, alla presenza del presidente del comitato delle Regioni d'Europa Karl-Heinz Lambertz, abbiamo sottoscritto e sottoposto alle istituzioni europee le necessità, i bisogni e le criticità inerenti la politica di sviluppo dell'Europa nei confronti delle nostre comunità alpine. - Sottolinea il Presidente Laurent Viérin - In sintesi abbiamo richiesto con forza, al di là della conferma degli investimenti sugli assi strategici, meno burocrazia e necessarie semplificazioni nell'utilizzo dei fondi e delle rendicontazioni, più autonomia nel modellare le politiche alle esigenze dei territori di montagna, con particolare riferimento alla politiche agricole , ai fondi strutturali destinati allo sviluppo dei vari settori, spesso di difficile utilizzo , quali i servizi sanitari e alla persona, la formazione, le imprese e il lavoro. Tutto ciò sottolineando anche la strategia e la determinante importanza della mobilita, dei trasporti, del turismo e degli assi di comunicazione per le nostre comunità e per il loro potenziale. 
In questo senso il documento é stato sottoposto ai commissari europei che si occupano di politica regionale , finanze e programmazione Gunther Oettinger, Corina Cretu e Jyrki Katainen e al Presidente del Comitato delle regioni Karl-Heinz Lambertz”.

 

 

FM