Skip to main content

Economia e Lavoro

Bard - Si é svolto l’evento ‘Investimenti a impatto sociale: prospettive future’

- 0 Comments

Si é svolto quest’oggi al Forte di Bardil seminario europeo rivolto agli attori del terzo settore e ai decisori territoriali dal titolo Investimenti a impatto sociale: prospettive future.

L’evento rientrava nell’ambito del progetto europeo AlpSib - Capacity development of public and private organizations for Social Impact Bonds, a valere sul programma Interreg - Alpine Space 2014/2020 gestito della Stuttura Politiche per l’Inclusione e l’Integrazione sociale.

Il progetto promuovere nuovi strumenti finanziari Pay by results e di sviluppare le qualificazioni di partenariati pubblico-privati volti a promuovere obbligazioni di impatto sociale (Social Impact Bond, SIB), che impiegano capitali privati per finanziare le attività che generano benefici sociali e un valore economico per le casse pubbliche.

La remunerazione del capitale investito tramite gli strumenti Pay by results è agganciata al raggiungimento di un determinato risultato sociale. In un modello di Social Impact Bond realizzato correttamente, il raggiungimento del risultato sociale previsto produrrà infatti un risparmio per la Pubblica Amministrazione e, quindi, un margine che potrà essere utilizzato per la remunerazione degli investitori.

“Lo Spazio Alpino - dichiara l’Assessore regionale alla Sanità Chantal Certan - si trova ad affrontare le sfide causate dall’invecchiamento della popolazione, dalla disoccupazione giovanile e dai crescenti vincoli nei bilanci, perciò le comunità locali hanno bisogno di misure innovative attraverso le quali offrire migliori risultati in campo sociale e sanitario. Tali misure non riescono ad essere generate se le uniche opzioni possibili per attuarle rimarranno i soldi pubblici e il tradizionale sistema di pagamento come le ‘tasse per i servizi’. La mobilitazione di capitale privato può essere oggi un approccio lungimirante rispetto alla soluzione di alcune problematiche sociali, insieme a una più stretta collaborazione in ambito di regioni che presentano caratteristiche comuni”.