Tu sei qui

Nogara risponde alle critiche sui ritardi dei pagamenti

Data: 0 Comments

L’Assessore all’Agricoltura della Regione Alessandro Nogara, in una nota risponde alla problematiche riguardanti i ritardi nei pagamenti al settore agricolo, sollevati nella ultima seduta del Consiglio dagli esponenti del Movimento 5 Stelle, e ripresi questa mattina dai gruppi di minoranza al termine della riunione della terza commissione in cui hanno udito il presidente della Vival.


Per quanto riguarda la richiesta di ulteriori anticipazioni da mettere in campo direttamente dall’Amministrazione regionale per sopperire ai ritardi di Agea,  la previsione di suddette misure  anticipative, da aggiungere a quelle erogate nel 2016 e 2017, non sono più percorribili in quanto si configurerebbero come aiuti di Stato, come peraltro evidenziato in Consiglio regionale. Problematica peraltro delicata e portata all’attenzione  del Consiglio Valle  proprio dal Movimento 5 Stelle. – Sottolinea Assessore Nogara - 
Il grande lavoro che si sta facendo per risolvere i ritardi accumulati da Agea nell’erogazione dei suddetti pagamenti, che si protraggono da ormai troppo tempo e che in questo ultimo periodo hanno visto una positiva accelerazione; l’impegno e il costante lavoro dell’Amministrazione regionale porteranno a una risoluzione, sebbene parziale, delle problematiche grazie ad una più proficua collaborazione tra gli uffici regionali e i servizi competenti dell’organismo pagatore”.

Per cercare di rivolvere questa problematica l’Assessore Nogara, oggi era a Roma per discutere con Agea di questa situazione.

Condividendo le preoccupazioni delle associazioni e degli agricoltori, ingiustamente penalizzati da lungaggini burocratiche, L’assessorato  assicura il continuo impegno finalizzato a riportare a regime tutti i pagamenti  in tempi brevi di cui non siamo responsabile ma parte lesa. - Alessandro Nogara -
I ritardi nei pagamenti delle misure strutturali  sono imputabili in parte al continuo rinvio della  consegna degli applicativi da parte di Agea e, negli ultimi mesi, anche all’attesa della definizione della revisione dell’istruttoria da parte di Area.
Spiace comunque constatare che si facciamo speculazioni politiche su una tematica le cui responsabilità non sono attribuibili all’amministrazione regionale che è impegnata a rilanciare un settore purtroppo negli anni sacrificato”.

 

 

FM