Skip to main content

Cultura e spettacoli

Aosta - Sabato inagurazione della mostra 'Il Linguaggio della Pietra' di Donato Savin

- 0 Comments

Venerdì 9 novembre, alle ore 18, sarà inaugurata la mostra 'Il Linguaggio della Pietrà' di Donato Savin presso l'Area megalitica di Saint-Martin-de-Corléans di Aosta.

L'esposizione, a cura di Daria Jorioz, è organizzata dalla Struttura Attività espositive in collaborazione con la Struttura Patrimonio archeologico ed è allestita nello spazio che ha già ospitato nel 2017 la mostra di Marina Torchio Primitivo femmineo. In mostra saranno esposte oltre 40 stele, per la maggior parte in pietra, oltre ad alcune sculture in legno, metallo e corno. Le pietre, accuratamente scelte dallo scultore, soprattutto nella zona del Gran Paradiso, ma anche in altri luoghi della Valle d'Aosta, conservano dopo l'intervento dell'artista l'eventuale presenza di licheni di diversi colori sulla superficie e assecondano la venatura litica naturale, diventando sculture totemiche di grande impatto visivo.
L'allestimento della mostra è stato concepito creando una sorta di allineamento delle stele contemporanee, tale da richiamare gli allineamenti delle loro "antenate" che si trovano nel sito di Saint-Martin-de-Corléans dalla prima metà del 3000 a.C.

Donato Savin è nato in Valle d'Aosta, a Cogne, nel 1959, dove vive con la sua famiglia e lavora come guardia forestale. Molto giovane, si è avvicinato alla scultura, alla quale si è dedicato da autodidatta. Il suo materiale prediletto per realizzare le sculture, a partire da semplici disegni o da bozzetti in argilla, è la pietra: gneiss del Gran Paradiso, granito, dolomnia, magnetite della miniera di Cogne, marmo verde di Runaz, marmo bardiglio e altre pietre della Valle d'Aosta.

"Questa esposizione di arte contemporanea -osserva l'Assessore Sammaritani - si inserisce nella programmazione dell'Assessorato dell'Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d'Aosta e intende porre in relazione le eccellenze artistiche locali con il sito museale di Saint-Martin-de-Corléans"