Tu sei qui

Aosta, ritrovati resti umani vicino all’area militare

Data: 0 Comments

Un cranio, un femore e altri resti completamente scarnificati, vicino solo qualche lembo di tessuto e una borsa sui quali sono in corso accertamenti, in un anfratto di roccia tra tre lingue di neve, arbusti e figliame, è questo il marcano ritrovamento avvenuto ad Aosta nell’area addrestamento militare. 

A fare il macrabo ritrovamento é stato un giovane militare alpino nel corso di un’esercitazone nell’area Saumont, sulla collina di Aosta alle 12 del 11 gennaio scorso.

Immediatamente sospeso l’addrestamento sul posto si sono recato i carabinieri del Reparto operativo, guidati dal tenente colonnello Maurizio Pinardi, il procuratore capo di Aosta, Paolo Fortuna, e il sostituto Luca Ceccanti, che ha aperto un fascicolo per il momento senza indagati e medico legale Mirella Gherardi.

Gli investigatori al momento si sbilancio sull’accaduto, dall'incidente al decesso per cause naturali, dal suicidio all'omicidio, sono tutti fatti plausibili. In attesa delle analisi medico-legali, l'unica certezza è che quelli trovati sono resti di un uomo morto in un periodo compreso tra diversi mesi e alcuni anni fa. 

Non é da escludere l’ipotesi che la morte dell’uomo sia avvenuta in un altro luogo, e poi il cadavere sia stato trasportato in quel luogo poco visibile dall’asassino o da una terza persona.

La prima domanda a cui dovranno dare risposta gli investigatori é di chi siano i resti ritrovati.