Skip to main content

Cronaca

Aosta - Ancora incerti i tempi per il trasferimento delle famiglie dei 'Grattacieli'

- 0 Comments

Tempi ancora incerti per il trasferimento delle familgire dei 'Grattacieli' del quartiere Cogne, ai nuovi alloggi, che dovrebbero essere dichiarati  agibili dal prossimo 20 dicembre. A renderlo noto è stato Fulvio Centoz, Sindaco di Aosta, durante la riunione della terza commissione consiliare. Restano però incerti i tempi del collaudo.

"La ditta sta lavorando, sulla parte elettrica e su quella idraulica. Il contratto che ha firmato prevede la fine dei lavori entro il 20 dicembre. - Dichiara Centoz -Allo stato attuale i lavori stanno andando avanti bene, quindi io spero che in quella data si possano chiudere e subito dopo concludere la fase di collaudo e passare al trasferimento ad Arer"

I commissari hanno ascoltato Andrea Florio, dirigente comunale dell'area Sviluppo e gestione del territorio, stabili e impianti, e il funzionario Andrea Lazzarotto. Tra agosto e settembre, durante la fase di collaudo, erano emersi dei problemi che i lavori in corso dovrebbero risolvere.

"Tutti stanno aspettando la perizia chiesta da Arer, che possa magari dire che l'immobile non è agibile.- Dichiara Centoz - E quindi tutti stanno aspettando il decreto del sindaco che possa sgomberare quell'edificio. Ma quella via, che in questo momento ci comporta ancora dei mesi da aspettare, può essere anticipata se c'è da parte di tutti la volontà di spostarsi in altri alloggi. Cosa che come ha giustamente detto il presidente della terza commissione, Vincenzo Caminiti, nessuno vuole fare. A generare le aspettative degli inquilini, oltre un anno fa, sono state le dichiarazioni incaute fatte durante chiacchierate personali dall'ex assessore Marco Sorbara (oggi Assessore regionale UV)".

Intervenendo nel dibattito Vincenzo Caminiti (Gruppo misto maggioranza) ha dichiarato che "La colpa secondo me va suddivisa, quell'assessore faceva parte di una giunta". Etienne Andrione (Lega) ha parlato di "sindrome da Fonzarelli" mentre Lorenzo Aiello (gruppo misto di minoranza) ha proposto di impiegare i "170 mila euro che la ditta dovrà pagare di penale per coprire le caparre che dovranno versare gli inquilini".