Tu sei qui

Il 30 e 31 gennaio torna la Fiera di Sant’Orso

Data: 0 Comments

É stata presentata questa mattina nella sede della Regione Valle d’Aosta la 1018 edizione della Fiera di Sant’Orso che animerà la città di Aosta il 30 e 31 gennaio.

La manifestazione sarà anticipata da “L’Atelier” dei professionisti in piazza Chanoux e Plouves, che aprirà il 27 gennaio e chiuderà il 31, in cui 84 artigiani esporranno le loro opere in ceramica, rame e vetro.

Lunedì 29 alle 21.00 alla collegiata di Sant’Orso si esibirà il Coro omonimo, il 30 e il 31 le vie e le piazze della città saranno animate dalle bancarelle dei 1184 espositori, 994 dei quali proporranno oggetti legati alla tradizione, numero in leggera crescita rispetto alla scorsa edizione.

Ricca come sempre la proposta  enogastronomica, 67 saranno le aziende che in piazza Plouves esporranno nel padiglione dedicato, inoltre molti ristoranti che hanno aderito alla proposta di Confcommercio proporranno un’offerta culinaria legata al territorio.

Immancabile è molto attesa da tutta la popolazione e dai turisti la Veilla del 30 gennaio.

Per la tutta la durata della manifestazione saranno potenziati i collegamenti ferroviari e i parcheggi, saranno aumentati di 3000 posti macchina e 500 piazzole per i camper.

Quello per la Fiera di Sant’Orso é un grandissimo lavoro che dura molti mesi. - Jean-Pierre Guichardaz assessore alle attività produttive della Regione - Ne ho preso atto in questi tre mesi in cui ho presieduto l’assessorato. La manifestazione conserva comunque il suo spirito originario: una festa popolare. Memori dei problemi avuti in città, per le abbondanti nevicate di dicembre, abbiamo in concerto con l’Esercito, l’Anas e i volontari stilato un piano straordinario in caso di maltempo, che sarà interamente finanziato dalla Regione. Per la sua millenaria storia auspico che questa Fiera possa diventare Patrimonio dell’UNESCO”

Le novità dell’edizione riguarderanno soprattutto le misure di sicurezza che verranno adottate, in seguito alle norme vigenti dopo i fatti del giugno scorso a Torino. 

Vi sarà una maggior presenza di vigilanza privata a sorvegliare sulla manifestazione, un depliant della Fiera sarà interamente dedicato per spiegare agli ospiti le vie di fuga e i punti di assistenza sanitaria, che verranno rafforzati. 

Un secondo opuscolo invece racconterà l’evento e guiderà turisti e aostani lungo le vie cittadine che saranno animate per la 1018 volta.

 

F.M.