Tu sei qui

La serie Tv "Trust" di Danny Boyle arriva in Valle d'Aosta

Data: 0 Comments

C’è anche un po’ di Valle d’Aosta in Trust, la nuova serie diretta dal regista Danny Boyle, premio oscar per "The Millionaire" e interpretata da un cast di grandi star internazionali tra cui Donald Sutherland, Hilary Swank e Brendan Fraser. La produzione ha infatti scelto la Valle del Gran San Bernardo come scenario per alcune sequenze che verranno girate nei prossimi giorni e che saranno gli ultimi ciak prima dell’uscita prevista negli USA, già a gennaio 2018.

“Siamo stati contattati dal line producer italiano, con il quale avevamo avuto già importanti collaborazioni e che lavora sempre su grandi produzioni internazionali: era alla ricerca di una strada di montagna in un contesto innevato - spiega il direttore di Film Commission, Alessandra Miletto - abbiamo pensato che l’ultimo tratto della strada che conduce al Tunnel del Gran San Bernardo potesse essere la giusta location; inoltre, essendo chiusa avremmo potuto aggirare alcuni problemi logistici che normalmente si presentano, traendo così solo benefici. Dopo un rapido confronto con l’Amministrazione regionale, in cui tutti hanno concordato sull’assoluta rilevanza del progetto, è stata data disponibilità alle riprese e dopo due giorni di sopralluoghi la produzione ha scelto la Valle d’Aosta. Per noi anche questo obiettivo rappresenta un importante risultato, raggiunto grazie al lavoro di rete che la Filmcommission sta portando avanti, cercando di portare il territorio della Valle d’Aosta all'attenzione dell'industria audiovisiva nazionale e soprattutto quella  internazionale, come in questo caso.” 

Prodotta dalla rete americana FX, Trust narra la storia del rapimento di Paul Getty III, erede della famosa dinastia di petrolieri, avvenuto a Roma nel 1973.

“Ospitare in Valle d’Aosta alcune scene della nuova serie di “Trust”, diretta dal regista Danny Boyle, è una grande opportunità per la nostra Regione. Anche attraverso l’accoglienza di produzioni  cinematografiche  promuoviamo il nostro territorio, valorizzando così le nostre realtà alpine e il patrimonio ambientale che le rendono uniche – dice il Presidente della Regione, Laurent Viérin - l’impegno e il lavoro della Filmcommission contribuiscono, in modo importante, a creare occasioni che generano ricadute economiche dirette e indirette oltre a diffondere l'immagine della Valle d’Aosta.”

Soddisfazione anche da parte dell'Assessore alla Cultura Emily Rini Siamo soddisfatti per questo risultato. È  il frutto di una straordinaria collaborazione che si è instaurata tra Film Commission, istituzioni, uffici regionali ed enti. Siamo conviti che questa sia la formula vincente che ci ha consentito, anche in questa occasione, di dare risposte immediate ed efficaci a una situazione logisticamente complessa” e per l'Assessore al Turismo Aurelio Marguerettaz "La promozione della Valle d’Aosta passa anche attraverso canali diversi da quelli abituali, come in questo caso, grazie all’interesse da parte della rete americana FX,  una produzione cinematografica e televisiva di grande successo e di portata internazionale. La Filmcommission ha inoltre saputo cogliere l’importante opportunità per la nostra Regione e grazie al suo decisivo intervento, il progetto si è realizzato”. 

La Redazione